Ya Basta!

Minoranza emarginata
popolo da sempre oppresso
dalla belva e schiacciato
fatto a pezzi per il possesso

Senza voce per decenni
nei villaggi assediati
malgoverno assassino
contadini massacrati

YA BASTA!, YA BASTA!, YA BASTA!
YA BASTA!, YA BASTA!, YA BASTA!
La dignita non si arrende
Il popolo si difende
La lucha sigue
El pueblo vive

Il governo venduto produce per voi
belve affamate
l?arte del saccheggio la vostra cultura
avete tolto lŽaria
in cambio di morte e miseria
Terra dissanguata
dai vostri oleododotti, gasdotti e ferrovie
il sangue della gente abbonda
nei vostri sporchi conti in banca

Storia Senza Tempo

Hey ti ricordi,
di quegli anni duri
quando cercavamo
di costruire insieme
Giorno dopo giorno
dal nulla e senza storia
anni di conquiste
di lotte e di baldoria

Non eravamo nulla
pero ci credevamo
e avanti senza soste
ovunque arrivavamo
Ci hanno messo contro
ma ce ne siamo accorti
questo e il momento
di ritornare forti
QUANTE VOLTE NELLE STRADE INSIEME
SENZA ALCUN TIMORE E FORTI DI CIO
CHE SAPPIAMO ESSERE
OGGI LUNO CONTRO LALTRO
QUALCUNO CI VORREBBE MA
LA NOSTRA STORIA EŽ SENZA TEMPO E NOI
NON CAMBIEREMO MAI

La solita storia
i soliti attacchi
solo che stavolta
sono ancor piu sporchi
Vengono da chi
per anni ti ha sfruttato
lŽamico di ieri
le spalle ti ha voltato

Niente e nulla al mondo
mai potra fermare
il nostro entusiasmo
e la voglia di lottare
Ci hanno messo contro
ma ce ne siamo accorti
questo e il momento
di ritornare forti

Partisans (Brigada Flores Magon)

Mille drappi al vento verso le citta
Centomila voci rimbombano
Le grida dignita, pane e liberta
Tra i fuochi nella strada si levano

LA MORT NŽEBLOUIT PAS LES YEUX DES PARTISANS
BELFAST, MARSEILLE, QUITO, BILBAO

Rispondono i fucili proletari
Colpo su colpo agli sfruttatori
E le barricate popolari
Chiudono la strada ai giovani signori

Guarda le lame affilate
Delle tirannie rovesciate
Il popolo in rivolta per davvero
Fara crollare i padroni e il loro impero

Una mattina mi son svegliato, ed ho trovato linvasor
O partigiano portami via, o bella ciao
E se io muoio da partigiano, tu mi devi seppellir
Seppellire lassu in montagna, sotto lombra di un bel fior
Tutte le genti che passeranno, ti diranno che bel fior
E questo e il fiore del partigiano, morto per la liberta

LA MORTE NON CHIUDERA GLI OCCHI DEL PARTIGIANO

La Mia Liberta

Non sopporto chi non puo gestire
le proprie storie e deve ficcare
il naso nella mia vita
dicendo anche cosa devo fare

Non sopporto chi non puo accettare
quelle che sono le mie scelte quotidiane
scelte di vita che
tu non puoi cambiare

Non dipendo da niente e da nessuno
libero di agire e di pensare
La mia vita non sara mai il fumo
che si perde nel tuo cielo senza colore
Fiero di far parte di quella gentaglia
che disprezzi e guardi disgustato
La mie scelte le gestisco io
dal lavoro, al sesso, fino a dio

VOGLIO LA MIA LIBERTA
POTER FAR CIO CHE MI VA
SENZA RENDER CONTO A TE
NON MI RAPPRESENTI
VOGLIO LA MIA LIBERTA
POTER DIR CIO CHE MI VA
QUESTA E LA MIA VITA
E NESSUNO MAI LA GESTIRA

Non capisco dove vuoi arrivare
dico a te maestro nel parlare
pronto a dettare regole e
la strada da seguire

non mi serve certo il tuo giudizio
per capire se sono nel giusto
e se per caso sbaglio
alla prossima faro meglio